Informativa
Gentile Utente, questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Avvisi

Prev Next

n. 8 / a.a. 2017-18: CORSO DI TECNICHE PER LA PITT... Read more

n. 7 / a.a. 2017 - 18: CORSO DI ESTETICA - Docente... Read more

n. 6 / a.a. 2017/18: CORSO DI STORIA DELL'ARTE MOD... Read more

n. 5 / a.a. 2017-18: LEZIONE DI LINGUAGGI E TECNIC... Read more

n. 4 / a.a. 2017-18: LEZIONE DI REGIA - ANNULLATA ... Read more

n.03/aa 17-18: INSEGNAMENTI MUTUATI DALL'UNIVERSIT... Read more

Eventi e progetti

DA GIACOMO Studio artistaDA GIACOMO - Studio d'artista 

Francesca Battello, Luca Brama e Mauro Coglio 
a cura di Francesco Pedrini 

Inaugurazione: venerdì 13 ottobre 2017 ore 18:00 
c/o Giacomo, Via G. Quarenghi, 48 c/d, Bergamo
Apertura: 14 - 21 ottobre 2017
Da giovedì a sabato 16:00-18:30

L'Accademia di belle arti G. Carrara è lieta di presentare, per il secondo anno consecutivo, la mostra degli artisti che sono stati in residenza da luglio a settembre negli spazi di Giacomo in via Quarenghi.


Francesca Battello, Luca Brama e Mauro Coglio hanno avuto a disposizione gli spazi al civico 33 per approfondire liberamente la propria ricerca, Da Giacomo presenta le opere che hanno preso forma in questi mesi.

Francesca Battello parte dall'archivio fotografico famigliare per riflettere sulla memoria. Un lavoro di ricerca iconografica alla radice della propria identità, perché "Il nostro è un mondo talmente pieno di memorie che inesorabilmente, per mancanza di spazio, vanno in gran parte perdute, o non raccontate. A partire dalla modernità, questo è un problema che riguarda sia l’individuo sia la società"(G.Iovane e F. Ramos Oggetti Smarriti, Silvana Editore 2009).
Luca Brama attraverso la fotografia racconta una realtà (compresa via Quarenghi) vissuta sulla pelle. Non è un reportage, non è un'indagine, è semplice conoscenza, intesa come volontà di abbracciare qualcosa senza giudizio, ma con urgenza e dedizione.
Ambienti, persone, situazioni su cui spesso distogliamo lo sguardo diventano paradisi perduti, reali, alterati in cui viviamo tutti.
Mauro Coglio raccoglie la sfida della parola. Lo scontro o meglio l'incontro con questo tema è ovviamente parziale, ma declinato in vari modi attraverso la performance, la scultura, la pittura e l'istallazione.