Informativa
Gentile Utente, questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Avvisi

Prev Next

Nata nel 1796 per volontà del conte Giacomo Carrara, l’Accademia di Belle Arti G. Carrara di Bergamo è tra le più antiche accademie in Italia. Istituzione d’alta formazione artistica, gestita dal Comune di Bergamo e legalmente riconosciuta dal 1988, fa parte del sistema dell’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM) afferente al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
Dal 2002 è convenzionata con l’Università degli Studi di Bergamo, attuando con l’ateneo uno scambio di corsi e di crediti formativi. È convenzionata con l’Ufficio Scolastico della Provincia di Bergamo. Il legame della scuola con la Pinacoteca dell’Accademia Carrara – con cui condivide l’origine settecentesca -, e con la GAMeC – Galleria d’arte moderna e contemporanea -, dà vita a Bergamo a un polo nazionale della cultura artistica.

Dall’anno accademico 2008-2009 l’Accademia, adeguandosi ai nuovi ordinamenti ministeriali dei corsi di studio, ha attivato due corsi triennali per il conseguimento dei diplomi accademici di 1. livello in Pittura e in Nuove tecnologie per l’arte.

Si accede all’Accademia solo se in possesso del diploma di scuola secondaria superiore e previo il superamento di un esame di ammissione obbligatorio per tutti (prova artistica libera; test di storia dell’arte; colloquio attitudinale) finalizzato a mettere in luce le conoscenze, le motivazioni e le attitudini della sperimentazione artistica.
Le dimensioni dell’Accademia volutamente contenute consentono un rapporto numerico docente-allievo tale da generare l’indispensabile contatto ravvicinato e l’attuazione di un progetto formativo altamente personalizzato.

L’Accademia raccoglie la ricca eredità del passato e la coniuga oggi a una volontà innovativa che si propone di cogliere le profonde trasformazioni della cultura visuale contemporanea. Nuovi linguaggi e media più legati alla tradizione si integrano nel contesto di un progetto didattico dal carattere sperimentale e progettuale. L’attenzione data alla metodologia, alla riflessione critica e teorica, alla consapevolezza dei processi e dei contesti sociali e culturali con i quali si confronta la creatività, si fonda su un corpo docenti aggiornato, formato da artisti, critici d’arte e autori inseriti a pieno titolo negli ambiti più attuali della ricerca artistica e professionale.

Ogni anno l’Accademia organizza seminari e incontri con artisti e autori protagonisti del panorama culturale nazionale e internazionale e promuove dibattiti e conferenze con esponenti della critica e della storia dell’arte contemporanea. Mantiene uno stretto rapporto con il territorio e con le sue realtà culturali e produttive.

L’Accademia, al fine di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro, nell’ambito del processo formativo promuove i tirocini formativi e di orientamento presso aziende, studi d’artista, studi fotografici, gallerie, etc., convenzionati con la scuola.